Green Revolution

Torna il bando pubblico per l'erogazione di ecoincentivi comunali per interventi finalizzati al risparmio energetico, alla riduzione di gas clima alteranti e allo sviluppo della mobilità sostenibile.

L’Amministrazione Comunale di Silea promuove il bando per l’erogazione di ecoincentivi comunali per interventi, realizzati  a partire da 19 ottobre 2020, finalizzati al risparmio energetico e alla riduzione di gas clima alteranti, mediante diversi interventi di efficientamento energetico negli edifici privati.

1) Beneficiari

Possono beneficiare dei contributi:

  • persone fisiche residenti nel Comune di Silea
  •  proprietari dell’immobile ad uso civile ubicato nel territorio del Comune di Silea dove trova collocazione l’impianto.

Ogni richiedente potrà beneficiare di un unico contributo.

2) Interventi ammessi a contributo:

Sono ammessi a contributo gli interventi comprovati da fattura o ricevuta fiscale datati successivamente al 19 ottobre 2020 e fino ad esaurimento fondi.

Il contributo è cumulabile con altri contributi pubblici e/o agevolazioni fiscali previsti dalla normativa vigente, fermo restando che questi ultimi si applicano alla parte di spesa al netto del contributo ricevuto e rimasta a carico del richiedente.

3) Tipologie di interventi:

Intervento A Sostituzione di una caldaia esistente a gas o a combustibile liquido o a combustibile solido, autonoma, al servizio di una singola unità abitativa, installata da almeno 10 anni dalla data di pubblicazione del presente bando (come certificato dal libretto di impianto, o in caso di mancata conservazione del libretto dell’impianto termico sostituito, con autodichiarazione) con:

A1: nuova caldaia a gas o a combustibile liquido di potenza inferiore o uguale a 35 kW, per la climatizzazione invernale con eventuale produzione di acqua calda sanitaria; la nuova caldaia dovrà essere a condensazione con una classe di etichettatura energetica non inferiore ad “A” ai sensi del Regolamento UE n. 811/2013; non sono ammesse indicazioni tipologiche come il sistema a “stelle”.

A2: nuova pompa di calore elettrica di potenza inferiore o uguale a 35 kW. L’erogazione del contributo per l’installazione di pompe di calore è subordinata alla presenza di almeno una delle seguenti condizioni: • l’edificio è dotato di un impianto radiante a bassa temperatura (a pavimento, a parete o a soffitto); •l’edificio è dotato di un Attestato di Prestazione Energetica da cui risulta una prestazione invernale dell’involucro “Alta” (quindi con EPH,nd < EPH,nd,limite (2019/21) così come indicato nelle “Linee guida nazionali per l’attestazione della prestazione energetica degli edifici” di cui al DM 26 giugno 2015); •è prevista l’installazione di un apparecchio ibrido, costituito da pompa di calore integrata con caldaia a condensazione assemblate in fabbrica ed espressamente concepite dal fabbricante per funzionare in abbinamento tra loro; in questo caso, entrambi i componenti devono rispettare i pertinenti requisiti minimi di legge ed il rapporto tra la potenza termica utile della pompa di calore (gruppo funzionale a pompa di calore) e la potenza termica utile della caldaia (gruppo funzionale a combustione a condensazione) deve essere minore o uguale a0,5. I rendimenti di generazione delle caldaie ed i coefficienti di prestazione (COP) delle pompe di calore devono essere conformi ai requisiti minimi di cui al DM 26 giugno 2015. L’installazione, effettuata secondo la normativa vigente anche in tema di sicurezza, dovrà essere eseguita da personale abilitato ai sensi del DM 37/2008 e certificata come conforme alla legislazione vigente. Le caldaie dismesse dovranno essere smaltite secondo le normative vigenti in materia di rifiuti. Non saranno finanziate trasformazioni di impianti da centralizzati ad autonomi e singoli distacchi da impianti centralizzati. La potenza del nuovo generatore non dovrà essere superiore del 10% rispetto alla potenza del generatore sostituito, secondo la definizione del D.Lgs 192/2005.

Intervento B Acquisto o trasformazione di autoveicoli a basse emissioni complessive:

B1: acquisto di nuovi autoveicoli appartenenti alla Categoria M1 del Codice della strada (veicoli destinati al trasporto di persone, aventi al massimo otto posti a sedere oltre al sedile del conducente), ad alimentazione alternativa e basse emissioni complessive, appartenenti alla classe Euro 6 o superiori, con emissioni di anidride carbonica (CO2), allo scarico, inferiori o uguali a 95 g/km, senza obbligo contestuale di rottamazione. Per veicoli a basse emissioni complessive si intendono indicativamente auto elettriche, ibride, a GPL, a metano, a biometano, a biocombustibili, a idrogeno. L’autoveicolo acquistato deve essere nuovo e non deve risultare già immatricolato, di conseguenza non può essere oggetto di incentivo l’acquisto di un autoveicolo cosiddetto “a km zero”. Sono esclusi mezzi di trasporto merci di tutte le tipologie. Il possesso del nuovo mezzo deve essere mantenuto per almeno 3 anni dalla data di acquisto, pena il recupero del contributo ricevuto.

B2: installazione di impianti di alimentazione a gas su autoveicoli già immatricolati rispondenti alle normative Euro 4 e precedenti, di proprietà del richiedente alla data della domanda di ammissione al contributo.

Intervento C Acquisto di motoveicoli elettrici e biciclette a pedalata assistita:

C1: acquisto di nuovi ciclomotori o di motocicli a 2 o 3 ruote, appartenenti alle Categorie L1e, L2e, L3e L4e, L5e, a basse emissioni complessive, senza obbligo contestuale di rottamazione. Il mezzo deve essere elettrico o ibrido e di potenza inferiore o uguale a 11 kW. Il mezzo acquistato deve essere nuovo e non deve risultare già immatricolato. Sono esclusi mezzi di trasporto merci di tutte le tipologie. Il possesso del nuovo mezzo deve essere mantenuto per almeno 1 anno dalla data di acquisto, pena il recupero del contributo ricevuto.

C2: acquisto di biciclette a pedalata assistita, così come definite dall’art. 50 del Codice della strada, e quindi senza l’ausilio di acceleratore o motori elettrici svincolati dalla pedalata. Il possesso del nuovo mezzo deve essere mantenuto per almeno 1 anno dalla data di acquisto, pena il recupero del contributo ricevuto.

4) Procedura per l’ammissione al contributo:

I richiedenti devono inoltrare apposita domanda utilizzando obbligatoriamente i modelli allegati al bando, dove sono disponibili tutte le informazioni sui documenti richiesti.

5) Termini di presentazione della domanda:

La domanda di ammissione al contributo per l’intervento che si intende realizzare, completa di tutta la documentazione obbligatoria sopra indicata, dovrà essere inviata entro e non oltre le ore 13.00 del 18 ottobre 2021:

· tramite servizio postale, esclusivamente con raccomandata A/R, al seguente indirizzo: Comune di Silea, Via Don G. Minzoni, 12 – 31057 – Silea (TV);

· un indirizzo di posta elettronica certificata al seguente indirizzo PEC: protocollo@comune.silea.legalmail.it

· consegnata a mano all'Ufficio Protocollo del Comune di Silea, nei seguenti giorni e orari di ricevimento del pubblico: dal lunedì al venerdì dalle ore 9.00 alle 13.00.

Leggi il bando per conoscere la modulistica richiesta e la procedura per la liquidazione dell’incentivo.

L'intervento deve essere eseguito e l'acquisto perfezionato entro il 15 dicembre 2021.

Contatti:

email ambiente@comune.silea.tv.it  o previo appuntamento al nr. 0422 365718.