Passo a Barca di Cendon di Silea

Passo a barca - Foto del Signor Redento Scalco

Fino al 28 settembre sarà attivo il servizio di “Passo a Barca” di Cendon sul Fiume Sile, fruibile tutti i fine settimana e i giorni festivi.

Silea (TV), 9 giugno 2015 – Il Comune di Silea promuove il servizio “Passo a Barca di Cendon” gestito dall’Associazione sportiva dilettantistica velica “Verso Itaca”, specializzata nella promozione territoriale e nella valorizzazione del Sile.

Fino al 28 settembre, per tutti i fine settimana e i giorni festivi, sarà possibile usufruire del servizio “Passo a Barca” di Cendon, attivo secondo l’orario 9.00 – 13.00 e 14.30 – 19.00 al costo di € 1 a tratta, € 1,50 nella formula di andata e ritorno in giornata e gratuito per bambini in età scolare. Il transito è consentito ad adulti con o senza bici e animali al guinzaglio di piccola e media taglia.

Il passo a barca è un attraversamento del fiume fatto attraverso un natante che collega Via Alzaia di Cendon e Via Torre di Lughignano, prolungando così la passeggiata della Restera trevisana. Il mezzo è semplice e sostenibile in quanto elettrico e permette il passaggio del fiume in totale sicurezza aumentando le possibilità di fruizione dei luoghi, implementando le funzioni turistiche, ludiche, ricreative e di sviluppo della fruizione del sistema di piste ciclabili comunali e intercomunali.

Il servizio è stato riattivato nel 2011 in via sperimentale quale prima azione programmata all’interno del progetto Silelab, opera che si lega simbolicamente all’infrastruttura storica del passo chiuso nel 1974 e riscoperto per rispondere alle nuove esigenze di svago, tempo libero, attività sportive e godimento della vita all’aria aperta della cittadinanza. Nello stesso anno il progetto ha avuto una menzione speciale al Premio per l’Economia Sostenibile, organizzato dal Credito Trevigiano BCC.

Uno sguardo al passato per la promozione sostenibile di un territorio, un collegamento capace di attrarre residenti e turisti con la voglia di muoversi attraverso la rete dei nostri itinerari di mobilità lenta tra fiumi, strade storiche come la Claudia Augusta e tracciati internazionali come la Monaco - Venezia. Il passo è anche un esempio di possibile economia turistica che va sviluppata in rete con altri operatori del Sile.  

L’Assessore Rossella Cendron