Inaugurazione del Museo della Pesca di Silea

Silea, 24 marzo 2017 – L’Amministrazione Comunale di Silea, in collaborazione con la sezione provinciale di Treviso della FIPSAS – Federazione Italiana Pesca Sportiva e Attività Subacquee, è lieta di invitare la cittadinanza all’inaugurazione del “Museo della Pesca”, che si terrà domenica 26 marzo alle ore 10.00, in via Pozzetto, 57 a Sant’Elena.
Al taglio del nastro seguiranno visite guidate, laboratori per bambini e un buffet con street food a base di pesce. Nel pomeriggio, inoltre, potremo assistere al concerto “Acquamadre”, alle ore 17.00 presso il centro culturale “C. Tamai”: in occasione della Giornata Mondiale dell'Acqua, il M° pianista Gerando Felisatti presenterà il suo ultimo lavoro, accompagnato da un violoncello.

Il Museo della Pesca del Comune di Silea recupera e valorizza la civiltà veneta e l'ambiente naturale in cui essa si è sviluppata nei secoli, impegnandosi a mantenere viva la memoria storica delle persone che hanno vissuto e lavorato lungo le acque fluviali. Il museo permette un approccio multisensoriale al mondo della pesca, dando la possibilità di toccare gli attrezzi da lavoro, guardare video su azioni di pesca ed ascoltare i suoni del Sile e le voci di quanti praticano questa attività. Inoltre, il Museo è un laboratorio che utilizza il Sile ed il suo territorio come aula diffusa, consentendo ai giovani ed alle scuole di conoscere le comunità biologiche del loro territorio attraverso esperienze reali.

Il piano terra dell’edificio del museo, che un tempo ospitava l'ex Scuola elementare di Sant’Elena, è stato oggetto di lavori di manutenzione straordinaria, per un costo totale di 105.000 euro, di cui 50.000 euro finanziati dalla Regione Vento e 55.000 euro stanziati dal Comune di Silea. L'intervento è stato realizzato grazie alla proficua intesa operativa tra Comune di Silea, Scuola Edile / Centro Edilizia Treviso, Confartigianato Imprese Marca Trevigiana e Centro Marca Banca, che hanno lavorato in sinergia per consentire a 37 studenti frequentanti il 2° e 3° anno del percorso scolastico triennale a qualifica per operatore edile, nel corso dell’anno scolastico 2015/2016, di svolgere una parte delle attività pratiche direttamente in “situazione reale”, eseguendo materialmente i lavori.

L’inaugurazione del Museo della Pesca segna un’importante traguardo per lo sviluppo turistico del nostro territorio, che potrà beneficiare di un polo attrattore e connettore tra la Via Claudia Augusta e gli itinerari riservati alla mobilità lenta, come ad esempio la Ciclovia Monaco-Venezia. L’ambizione dell’Amministrazione è quella di proseguire con i lavori di manutenzione straordinaria dell’edificio trasformando la palestra in una  sala-laboratorio per esperienze pratiche riservate a classi, centri estivi e scuole di pesca che da diversi anni vengono realizzate a Silea ma, soprattutto, trasformare il primo piano in un’opportunità formativa sulle vie consolari romane

L’Assessore Rossella Cendron

La pesca di fiume, fino alla metà del '900 una delle attività economiche più praticate ed importanti della nostra terra, si è via via progressivamente ridotta a causa dell'impoverimento biologico dei corsi d'acqua e dell'immissione di specie alloctone infestanti. La nobile arte della pesca rischia oggi di trasformarsi in un semplice hobby, senza più profondità storica e senza un autentico contatto con la natura,  soprattutto per le nuove generazioni.
E' per questo che alcuni anni fa abbiamo iniziato a progettare un museo in cui esporre imbarcazioni, reti, esche, ospitare specie ittiche e raccontare la dura vita dei pescatori e delle loro famiglie, in modo da conservarne e trasmetterne memoria

L’Assessore Rosanna Potente

L’inaugurazione di questo Museo della Pesca è un momento che ci riempie di orgoglio, perché vede finalmente realizzata un’opera di grande importanza per tutto il territorio trevigiano. La sinergia fra pubblico, ovvero l’Amministrazione Comunale di Silea e la Regione Veneto, e il mondo della pesca sportiva, più specificatamente della Fipsas – Federazione Italiana Pesca Sportiva e Attività Subacquee, ha permesso di realizzare una cosa unica nel suo genere. La Fipsas è una federazione del Coni, riconosciuta dal Ministero, che conta a Treviso circa 4.600 tesserati ed in Veneto oltre 31.000. Fra i nostri scopi statutari ci sono la tutela, la cura e la conservazione dell’ambiente: con le nostre risorse, soprattutto umane, faremo in modo che questo sito diventi un punto di riferimento importante a cui guardare per diffondere questa cultura. I reperti, soprattutto i pesci autoctoni che si trovano all’interno del museo,vorremmo che fossero non solo testimonianze della storia del nostro territorio, ma anche strumenti utili per meglio apprezzare l'ambiente in cui viviamo.

Il Presidente FIPSAS Flores Modolo

L’Amministrazione Comunale di Silea ringrazia sentitamente il Gruppo “Sile Folk”, l’Osteria “da Nea” e l’Azienda Vitivinicola “Emilio Massarotto”, che hanno offerto rispettivamente l’organizzazione e la gestione del buffet, il pesce ed in vino.
Grazie anche alla Ditta “Plastigrafica”, che si è offerta di occuparsi della stampa dei pannelli dell’allestimento.

L’Amministrazione Comunale di Silea desidera ringraziare l’Ufficio Tecnico del Comune di Silea, il Responsabile dei Lavori Pubblici l’Arch. Denis Cendron, il progettista delle opere edili Ing. Nico Paro, il progettista degli impianti e Direttore dei Lavori Ing. Luca Taffarello, la Regione Veneto e l’Assessorato e l’Unità Operativa Agroambiente Caccia e Pesca in particolare il dott. Giorgio De Lucchi ed il dott. Luca Tenderini, la Ditta “Trentin Impianti”, la Scuola Edile / Centro Edilizia di Treviso ed in particolare il Presidente Davide Feltrin, il vice Francesco Orrù, il Direttore Sandro Martin, i 37 studenti frequentanti nell’anno scolastico 2015/2016 le classi seconde e terze del percorso scolastico triennale a qualifica per operatore edile ed il loro istruttore Alex Camelato, Confartigianato, Confartigianato Imprese Marca Trevigiana, il Gruppo Pittori Edili che ha co-assistito i ragazzi ed il Presidente Matteo Perinotto, Centro Marca Banca che ha erogato un contributo alla Scuola Edile a parziale copertura delle spese, il Presidente Tiziano Cenedese ed il Direttore Claudio Alessandrini e tutti i professionisti che hanno collaborato alla realizzazione dell’opera.

Un ringraziamento particolare a tutti coloro che hanno partecipato alla realizzazione dell’allestimento del museo, in particolare la FIPSAS – Federazione Italiana Pesca Sportiva e Attività Subacquee, sezione provinciale di Treviso – ed in particolare il Presidente Flores Modolo, il dott. Roberto Loro che ha curato l’allestimento del museo, sua moglie Manuela Canevese e Bruno Dotto per gli acquari, il Mosca Club, il FAST per l’uso delle immagini fotografiche ed in particolare la Dirigente Diana Melocco, della Scuola professionale Lancenigo Lepido Rocco Dario Gemin per i lavori in legno, Vilma Lorenzon per il lavoro grafico e la Vice Preside Viviana Lani, Silvia Panizzo per il plastico, Paolo Trevisin per gli oggetti della Collezione Trevisin, Christian De Marchi per gli oggetti della Collezione De Marchi, Mario e Dario Davanzo per gli oggetti della Collezione Pavanello, Claudio Furlan per gli oggetti della Collezione Furlan, Carla Trentin per il materiale del marito Signor Saviane, Vittorio Buccini per le canne da pesca, Lorenzo Crespan per le fiocine, Gianfranco Scubla per il materiale tecnico, Isacco Emiliani e Michele Pellizzato per le foto, Amerigo Manesso per i testi, il Gruppo Ecologico Tiveron ed il Presidente Giancarlo Lorenzetti, il Gruppo Folcloristico Trevigiano ed Parco del Sile per libri e materiale per allestimento.

Infine un sentito ringraziamento al Signor Michele Barbon, per aver donato l’idea da cui è nato il logo del “Museo della Pesca”.