CdA dimissionario Casa di Riposo Villa d'argento

Silea 30 giugno 2010- “Stiamo lavorando per un nuovo consiglio d’amministrazione e un nuovo statuto, affinchè l’amministrazione comunale e tutto il consiglio comunale possano dialogare meglio con la realtà della fondazione Villa d’Argento, che può diventare una eccellenza per il territorio di Silea e di Treviso.”

Così il sindaco di Silea, Silvano Piazza, chiarisce la situazione del consiglio di amministrazione della Fondazione Villa d’Argento dopo la revoca del presidente Renato Boscutti, nominato nel novembre del 2006 presidente della Fondazione della casa per anziani di Silea Villa d’Argento; probabilmente a seguito di questa revoca, anche gli altri 4 consiglieri in due distinti momenti: tra venerdì e lunedì sono pervenute prima le dimissioni di Stefania Barbieri e del dott. ù

Orlando Schiappa, subito dopo le dimissioni dei due consiglieri in quota Lega Marina Brugnaro e Roberto Favaro. Il sindaco ha voluto convocare i capigruppo consiliari per presentare eventuali candidature per il CdA della Fondazione, che dovrà lavorare anche al nuovo statuto.

“La revoca della nomina del presidente Boscutti è stato un passaggio obbligato per rispettare lo statuto della stessa fondazione - spiega Piazza - Da un alto c’è il rammarico per non essere riusciti in tre anni a dialogare con il Consiglio della fondazione, nonostante innumerevoli sforzi e la disponibilità all’incontro dimostrata anche da questa maggioranza in molte occasioni, tuttavia questa è l’occasione giusta per rifondare un CdA che sia realmente espressione del consiglio comunale e di tutti i cittadini di Silea, per una concreta collaborazione che possa rendere la realtà di Villa d‘Argento una eccellenza per il territorio comunale e provinciale.

E’ per questo che ho esteso le consultazioni a tutti i capigruppo e mi auguro che oggi si instauri, anche tra le varie forze politiche, una fattiva collaborazione affinchè la fondazione possa lavorare in sintonia con l’espressione del consiglio.”